logo

La prima telefonata con la famiglia ospitante

Com’è la prima telefonata tra un’au pair e la famiglia ospitante? Paura del primo contatto o della prima telefonata con la famiglia ospitante?

 

Quick Info

  • La prima chiamata è una parte molto importante della preparazione per un soggiorno all’estero come au pair!
  • Ti consigliamo di preparare un paio di domande!
  • La chiamata è difficile ma più personale che una lettera o un mail.

 

Contatto come au pair con la famiglia ospitante

contact with familyIl primo contatto con una famiglia ospitante da parte tua è particolarmente importante perché è la prima impressione che conta. Per questo è necessario prepararsi bene e fare una lista di domande desideri fare alla famiglia ospitante durante la prima chiamata.

 

Probabilmente sarai nervosa. Non è facile fare una telefonata in una lingua straniera se voi stessi siete molto eccitati. Pensate anche alle domande che la famiglia ospitante vi potrebbe fare durante la prima chiamata.

 

Date un'occhiata a questa lista e cercate di rispondere alle domande nella lingua straniera. In questo modo sarà più facile rispondere spontaneamente alle domande fatte per telefono. Tieni inoltre presente che la famiglia ospitante si aspetta che sarai nervosa.

 

La tua famiglia ospitante in particolare è alla ricerca di un aiuto per la cura dei bambini. Pertanto è importante che chieda informazioni su i bambini durante la telefonata con la famiglia ospitante. Chiedi quali sono gli interessi e com’è lo svolgimento della giornata dei bambini.

 

Un'alternativa alla telefonata convenzionale può essere un contatto tramite la telefonia video su Internet. Per fare questo, entrambe le parti hanno bisogno di un PC con una webcam, un microfono e l'accesso a un provider gratuito per videochiamata come Skype. Se non si hanno queste cose, potrebbe essere una soluzione fissare un appuntamento con la famiglia ospitante e di fare la chiamata in un’internet caffè. Così vi potete vedere durante la chiamata.

 

Domande sensate per la prima chiamata con la famiglia ospitante

  • Informazioni riguardante la famiglia (nome, età, domicilio, numero di bambini, hobby, professione,…)
  • Domande riguardanti i bambini (nome, età, hobby, carattere, orari di asilo o di scuola)
  • Come sono gli orari di lavoro e quali sono i compiti da svolgere.
  • Com’è lo svolgimento della giornata e come è la gestione del tempo libero
  • Educazione
  • Fine settimana libero
  • Parenti
  • Posto (casa o appartamento, una stanza/ bagno proprio, mezzi pubblici, automobile, scuola di lingue)
  • La famiglia ospitante ha già avuto un au pair? (se sì, mettiti in contatto)

 

Se sei calma e soprattutto se rimani onesta, il contatto per telefono con la famiglia ospitante è molto più facile di quanto t’immagini in anticipo.

 

 

La mia famiglia ospitante mi ha chiamato spontaneamente sul mio cellulare ed ero molto nervosa! Avevo il dizionario tutto il giorno con me e mi ero preparata a molte domande. Dopo la prima telefonata ero molto sollevata e dopo di questa le altre telefonate sono diventate sempre più facili.“ Pavla, 22

 

 More:

Au Pair requisiti Au Pair: Quanto tempo?
Au Pair, si o no? Vantaggio dell´au pair
Famiglia ospitante online Agenzie per au pair
Candidarsi come au pair El primo contatto con la famiglia